;
Mates4Digital
Blog
Avete fissato la call con gli elefanti?
Blog
Avete fissato la call con gli elefanti?
Blog
I pericoli in Rete e come evitarli
Blog
LinkedIn, come lo usano le aziende
di
La pandemia Covid 19 ha costretto un po’ tutti a fare un salto in avanti nell’uso delle tecnologie digitali. Con l’avvento dello smart working, le video chiamate sono sicuramente uno degli strumenti che ha avuto più di altri una crescita esponenziale.

Uno degli utilizzi più creativi ed interessanti è sicuramente il progetto Elephant in the Zoom in Thailandia.
Nel paese asiatico, gli elefanti sono una grande attrazione turistica che attirava migliaia di visitatori ogni anno. Il crollo del turismo internazionale dovuto al Covid-19 ha avuto un effetto devastante sui 3.800 esemplari che vivono in cattività in quelli che potrebbero essere definiti dei “resort-zoo” dove si può provare l’esperienza di vedere da vicino gli elefanti nella loro vita quotidiana. Secondo quanto riferito, la pandemia ha costretto alla chiusura di almeno 85 di questi posti nel nord del paese. Alcuni stanno lottando per sopravvivere con i risparmi, ma molti hanno dovuto rilasciare gli elefanti di cui si stavano occupando nella giungla dove gli animali - nati in cattività - devono provvedere a sé stessi da soli.

Per contrastare questa tendenza la Human Elephant Learning Program Foundation, un’organizzazione no profit australiana, ha lanciato un programma in collaborazione con la Golden Triangle Asian Elephant Foundation (GTAEF) per permettere a chi è interessato di pagare 75 dollari per avere un elefante come partecipante ad una video call su Zoom per dieci minuti. Con qualche decina di dollari in più si può anche partecipare ad una sessione di domande e risposte con gli esperti dell’associazione.

Per quanto possa sembrare uno scherzo, l’iniziativa è seria e ha l’obiettivo di raccogliere i fondi di cui c’è un disperato bisogno per prendersi cura degli elefanti in questo periodo in cui il numero di turisti prossimo allo zero ha fatto evaporare la principale fonte di entrata per i mahouts, le persone che si prendono cura degli animali in questi “resort”. Ci vogliono circa 20 dollari per comprare il cibo di cui ha bisogno un singolo elefante ogni giorno e in un anno le spese per mantenere uno di questi esemplari ammontano a circa 18 mila dollari.

Per chi fosse interessato ad avere nella prossima video call un amico da 3 tonnellate insieme al capo e ai colleghi in pigiama, click al seguente link.