;
Mates4Digital
Blog
LinkedIn, come lo usano le aziende
Blog
LinkedIn, come lo usano le aziende
Blog
I pericoli in Rete e come evitarli
Blog
In questo articolo non citiamo LIDL
di
LinkedIn è uno strumento potentissimo per il B2B. Il suo scopo e obiettivo è quello di mettere al centro le relazioni di business, sia tra professionisti che tra aziende e clienti.

Infatti, qualche tempo fa, vi avevamo parlato dell’importanza (per i professionisti) di usare LinkedIn per la costruzione della propria brand reputation, qui l’articolo passato.

Anche i brand hanno però l’opportunità di sfruttare questo social, per esempio: intercettando contatti in target con la loro offerta e nutrendo i contatti esistenti pubblicando contenuti per loro utili. Secondo l’ultimo Global Digital Report di WeAreSocial, gli inserzionisti possono raggiungere quasi 12 milioni di utenti in Italia. Questi, potenzialmente, rappresentano un bacino di possibili prospect.

Costruire una pagina aziendale su LinkedIn è molto semplice ma, attenzione, è solo il primo step. Prima di partire a gamba tesa con un’offerta commerciale inviata per messaggio, pianifica una strategia, stabilisci degli obiettivi e definisci i tempi entro cui raggiungerli.

Cinque consigli da mettere in pratica per avere una buona pagina aziendale su LinkedIn



  1. Incoraggia i dipendenti a seguire la pagina e a interagire con essa. Colleghi e dipendenti sono la tua migliore risorsa per iniziare a far crescere i tuoi follower, inoltre sono i primi portavoce del brand, e aggiungendoli alla tua rete amplierai la reach dei tuoi contenuti, beneficiando delle loro connessioni. Incoraggiali a connettersi con la Pagina, ma anche a interagire attivamente con i post, condividendoli, commentandoli, e creandone di propri su temi di interesse per il settore.

  2. Includi immagini, video e contenuti di altre piattaforme. Questo perché statisticamente, i post con immagini di persone e video ottengono il 98% di commenti in più. A proposito dei video, se hai un canale YouTube, includili.

  3. Pubblica contenuti di valore, che non siano solo aziendali. Per quanto riguarda il piano editoriale, una regola che vale è quella di condividere il gusto mix di contenuti interni ed esterni, ossia di altre fonti. A nessuno piace vedere solo post di un’azienda che si autocelebra, che parla sempre e solo di sé stessa, delle soluzioni che offre e dei suoi casi di successo, senza un minimo di contesto e di interesse verso i trend o le news di settore.

  4. Utilizza le campagne sponsorizzate. Su LinkedIn, infatti, vengono condivise tantissime informazioni da parte degli utenti (nome, cognome, professione, titolo di studio, professione ecc.) che possono essere targettizzate in modo accurato. LinkedIn offre diverse soluzioni per fare pubblicità sulla propria piattaforma, se sei interessato contattaci per avere maggiori dettagli.

  5. Ultimo ma non ultimo, monitora i risultati con LinkedIn Analytics. Lo strumento di analisi di LinkedIn è sicuramente fondamentale quando si iniziano a creare campagne a pagamento. Fornisce utili insight sul contenuto più apprezzato dai tuoi follower, i loro dati demografici, il traffico e l’attività sulla tua Pagina.


Hai un’attività e sei curioso di saperne di più su come creare una pagina LinkedIn? Non hai che da contattarci, visita la nostra home!